Franco De Vecchi PELLATI Giuseppe DE VECCHI Paolo DE VECCHI Piero DE VECCHI Margherita MARCHESI Clelio DE VECCHI Cristina LUCCA Mini tree diagram

Riccardo DE VECCHI

7th Sep 1906 - 31st Dec 1993

Life History

7th Sep 1906

Born in Torino

6th Aug 1945

Married Margherita MARCHESI in Poschiavo

25th Jun 1946

Birth of son Giuseppe DE VECCHI

25th Sep 1947

Birth of son Paolo DE VECCHI

2nd Jul 1950

Birth of son Piero DE VECCHI

31st Dec 1993

Died

Notes

  • Riccardo De Vecchi was the third son Franco De Vecchi Pellati, a lawyer, and Cristina Lucca. Having lost his mother in December 1910, he lived in Turin in the care of close relatives, often spending summers at Castellazzo Bormida, near Alessandria in Piemonte, from where the De Vecchi Pellati family originated. During the First World War he spent a long time in countryside near Almese, at the home of the Blandin Savoia family.

    After intermediate school at the College for boys at Stradella with his brother Clelio, Riccardo studied to become a teacher at Genoa where he began also to teach, subsequently moving to Como. At the age of 18 years he was conscripted for military service into the Royal Italian army in the civil engineering regiment at Casale Monferrato.

    In 1928 he went to work in Switzerland for the first time, to teach at the high school in Locarno. He then moved to the Francesco Soave College in Bellinzona, remaining there until 1945. At this time, there were many Italian political and religious fugitives, and Riccardo made friends with many compatriots, amongst whom was Don Giovanni Gatti from Caspoggio in Val Malenco, a fervent antifascist and close friend of Riccardo.

    In 1944, through a priest who taught at the Santa Maria College for girls at Bellinzona, Riccardo met Margherita Marchesi who was also in her first year as a German teacher in this school. Riccardo and Margherita married on 6 August 1945 and moved to Poschiavo where they had three sons, Giuseppe, Paulo and Piero. In 1945, Riccardo took over the running of the vineyards at the Ragno near Tirano from his mother-in-law, and developed the business, selling the wine in Switzerland. He contracted tuberculosis and between 1947 and 1954 had to spend long periods in hospital, undergoing two life-saving surgical operations. In 1959, as well as developing and expanding the wine business, he began to teach at the secondary schools in Poschiavo.

    From 1971 onwards, when he retired from teaching, he passed many happy years with Margherita, in the winter at Poschiavo and in the summer at the Ragno, tending the vineyard, until his seventieth year when the wine business was gradually wound down.

    Riccardo  died peacefully on 31 December 1993, one year after the death of Margherita.

    ITALIANO
    Riccardo De Vecchi nacque il 7 settembre 1906 a Torino, terzogenito di Franco De Vecchi Pellati, avvocato, e Cristina Lucca. Rimasto orfano di madre nel dicembre del 1910 viveva a Torino seguito da vicini parenti , d'estate sovente a Castellazzo Bormida , luogo d'origine della famiglia De Vecchi Pellati. Durante la prima Guerra mondiale passó lungo tempo in campagna, ad Almese, presso conoscenti, la famiglia Blandin Savoia.

    Dopo le scuole medie nel Collegio per ragazzi a Stradella assieme a suo fratello Clelio, Riccardo frequentó gli studi per diventare insegnante di scuola media a Genova dove inizió anche ad insegnare, passando poi a Como. All'età di 18 anni fú chiamato al servizio militare d'obbligo presso il regio esercito italiano nelle truppe del genio civile a Casale Monferrato.

    Nel 1928 trascorse per la prima volta un periodo di lavoro in Svizzera esercitando l'insegnamento alla scuola maggiore di Locarno. Passó poi ad insegnare al ginnasio inferiore del Collegio Francesco Soave di Bellinzona fino al 1945. Fú un periodo dove ci furono molti fuggiaschi italiani, politici, religiosi e Riccardo fece tante conoscenze di connazionali, fra i quali Don Giovanni Gatti di Caspoggio in Val Malenco, fervente antifascista e intimo amico di Riccardo.

    Nel 1944 tramite un sacerdote che insegnava al  Collegio per ragazze di Santa Maria a Bellinzona Riccardo fece conoscenza di Margherita Marchesi che era insegnate di tedesco anni prima anche in questo Collegio.  Riccardo e Margherita si sposarono il 6 agosto 1945 e si trasferirono a Poschiavo dove ebbero tre figli, Giuseppe, Paolo e Piero.  Nel 1945 Riccardo assunse la conduzione dei vigneti del suocero Giuseppe Marchesi a Villa di Tirano, contrada Ragno, e ne sviluppó un commercio di vino vendendo il prodotto in Svizzera. Fra il 1947 ed il 1954 la tubercolosi lo costrinse a lunghe degenze ospedaliere con due interventi chirurgici che lo salvarono. Nel 1959, oltre a sviluppare ulteriormente ed ingrandire l'attivitá vinicola, inizió ad insegnare presso le scuole secondarie di Poschiavo

    Dal 1971, anno del suo pensionamento scolastico, ha trascorso vari anni sereni con Margherita, d'inverno a Poschiavo, e d'estate al Ragno, occupandosi del vigneto, anche se poi verso la fine degli anni settanta cessó gradualmente la l'attività di vendita di  vino.

    Un anno dopo la dipartita di Margherita, Riccardo si spense serenamente il 31 dicembre 1993.

Page created using GEDmill 1.11.0